Italian Albanian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian English French German Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swahili

Costa d'Avorio

Novembre 2004, Costa d' Avorio: mercoledì 10 novembre 2004, dall'aeroporto militare di Pisa «Dall’Oro», gli Incursori del "Col Moschin" decollano a bordo del primo C130J dell' Aeronautica Militare predisposto dal Ministero degli Esteri, onde evacuare i nostri connazionali in Costa d' Avorio. Il velivolo (della storica 46ª Brigata Aerea, con all'attivo centinaia di missioni dal 1964 ai giorni nostri) atterrerà presso l' aeroporto di Abidjan, dove resterà in stand-by, in attesa che gli Incursori effettuino l'evacuazione dei cittadini italiani, dal Paese sconvolto dalla guerra civile. L'apparecchio si muoverà successivamente alla volta di Accra (ad un'ora di volo e dove la situazione risulta essere sotto controllo), dove i civili saranno imbarcati a bordo di velivoli commerciali diretti verso l'Italia. Con i cittadini italiani vi saranno anche diversi stranieri, i cui governi si sono rivolti al Ministero degli Esteri italiano, per l' evacuazione. Una nuova attestazione di stima verso gli uomini delle nostre forze per operazioni speciali, i quali erano già stati attivati per una operazione N.E.O. (Non-combatant Evacuation Operation) nel maggio 1994 in Ruanda, ponendo in salvo numerosi civili europei. In Costa d' Avorio risiedono 550 italiani, 290 dei quali nella capitale Abidjan.