Italian Albanian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian English French German Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swahili

Forze Speciali

FS Forze Speciali (in inglese SF Special Forces) ne fanno parte i Reparti Incursori delle FFAA, solo una per ognuna di essi e, vale a dire, come specificato direttamente sul sito del COFS (Comando Interforze per le Operazioni delle Forze Speciali):

   IX° REGGIMENTO D'ASSALTO PARACADUTISTI "COL MOSCHIN", dell'Esercito che, erede dei reparti Arditi della 1^ e 2^ Guerra Mondiale, rappresenta l'unità di maggiore consistenza organica nonché il naturale protagonista delle Operazioni Speciali che si sviluppano in ambiente terrestre;
   GRUPPO OPERATIVO INCURSORI, della Marina Militare, creato e strutturato, fin dalla sua nascita nella 2^ Guerra Mondiale, per operare prevalentemente in ambiente marittimo;
   17° STORMO INCURSORI, dell'Aeronautica Militare che, benché di recente  costituzione, trae le proprie origini e tradizioni dagli ADRA (Arditi Distruttori Regia Aeronautica) del 2° conflitto mondiale;
   GRUPPO INTERVENTO SPECIALE, dei Carabinieri, creato negli anni '70 per contrastare il terrorismo che affliggeva, in quel periodo, l'Italia.

L'azione delle Forze Speciali viene normalmente integrata e potenziata da quella di alcune unità di Supporto Operativo, tra le quali meritano una citazione particolare il 26° Reparto Elicotteri per Operazioni Speciali dell'Esercito, il 4° Rgt. Alpini Paracadutisti "Monte Cervino" e l'11° Rgt. Trasmissioni, tutt'oggi impegnati fianco a fianco degli incursori in Afghanistan.
Più in generale, le aviotruppe nel loro complesso rappresentano le più tipiche unità di supporto alle Forze Speciali, grazie alla condivisione con le stesse di molte procedure operative come il sistema di infiltrazione mediante aviolancio, nonché l'addestramento ad operare per piccoli nuclei con le procedure tipiche dell'interdizione e contro-interdizione d'area.

Esse consistono in un complesso di movimenti e trasferimenti intermodali, multiambientali e normalmente non palesi o discreti, nonché in comunicazioni, attività logistiche e azioni sull'obiettivo con cui un'unità di limitata consistenza organica ma di elevato profilo operativo si infiltra in un'area obiettivo, consegue nella stessa risultati di rilevanza strategica e successivamente rientra alla propria base.

Il COFS è il Comando Operativo posto alle dipendenze del Capo di SMD per la gestione delle Operazioni Speciali. La sua azione è determinata direttamente da parte del vertice politico-militare nazionale.

Le Operazioni Speciali si svolgono in contesti ostili o non permissivi anche a grande distanza dalle unità amiche.

Le Forze Speciali sono, per costruzione, le unità designate a tali tipi di operazioni e si possono avvalere del supporto di altre forze, tra cui quelle a loro più affini per addestramento, mentalità e tipologia di azione, primi fra tutti i paracadutisti (con particolare riferimento ai "rangers", agli acquisitori obiettivi e agli "esploratori").

Negli ambienti operativi navali possono avere un ruolo di supporto anche le unità anfibie.

Le Operazioni Speciali presuppongono sempre la disponibilità di unità di volo dedicate, ad ala fissa e rotante, nonché di specifiche risorse per il comando e controllo e per le comunicazioni.

fonte: Stato Maggiore Difesa (Comando Interforze per le Operazioni delle Forze Speciali)