Italian Albanian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian English French German Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swahili

Beretta ARX-160

L'arma fa parte del complesso sistema Soldato Futuro in corso di sviluppo per l'Esercito Italiano di cui costituisce il sistema letalità, ovvero l'arma d'assalto. Il progetto partì come sviluppo dei Beretta AR 70/90 e Beretta SC 70/90 ed inizialmente era presentato come un semplice aggiornamento dei materiali costruttivi e piccoli accorgimenti del Beretta AR 70/90; si passò quindi ad un successivo prototipo più elaborato che introduceva un calcio non ripiegabile ma regolabile in lunghezza e la manetta d'armamento in posizione superiore anteriore, non proprio comoda all'uso; successivi sviluppi portarono all'arma attuale che è attualmente in fase di produzione a basso ritmo per una prima valutazione estesa presso le FF.AA. italiane.

Al momento risulta in dotazione alle forze speciali albanesi, circa 100 armi, alle forze speciali italiane per valutazioni anche sul campo, ed a una compagnia di valutazione della fanteria media italiana nell'ambito dei vari studi di modernizzazione delle forze armate. Anche alcune forze di polizia hanno espresso il loro interesse per l'arma; è sicuramente in dotazione ad alcuni dipartimenti della polizia messicana (PEP).
Beretta ha atteso più a lungo dei concorrenti a presentare il modello finale dell'arma e sicuramente ha provveduto a studiare i loro problemi in modo da limitarli sul suo nuovo prodotto, che risulta essere, almeno sulla carta, uno dei più versatili ed efficienti sul mercato mondiale.
Alla base della progettazione vi sono dei concetti chiave: ergonomia, facilità di manutenzione, flessibilità, facilità di aggiornamento.

I polimeri costituiscono il materiale più estesamente usato per la struttura dell'arma; anche se Beretta ha usato una guida picatinny in alluminio posta superiormente all'arma per tutta la sua lunghezza, in modo tale da aiutare ad aumentare la robustezza del fucile. Questo uso esteso dei polimeri può essere considerato come il frutto delle ultime realizzazioni in casa Beretta, ovvero Cx4, Px4 e Rx4. Tutto ciò ha permesso una sensibile riduzione della massa dell'arma che può essere ipotizzata, in mancanza di dati ufficiali, sui 3 kg; tale valore è variabile anche in funzione della canna.
Elemento innovativo è il sistema di cambio rapido della canna; per tale motivo è difficile parlare di lunghezza totale dell'arma dato che è possibile cambiare la canna in pochi secondi. Altri produttori hanno introdotto la possibilità di cambiare la canna in poco tempo ma sempre usando attrezzi specifici e non proprio immediati; Beretta permette il cambio della canna senza l'uso di attrezzi e solo premendo due pulsanti. Sono previste al momento canne da 10 12 16 e 20 pollici, offrendo un'ampia gamma di uso.
La novità principale è la possibilità di rendere l'arma ambidestra direttamente durante il suo impiego sul campo in modo semplice ruotando di 180 gradi la manetta d'armamento. L'arma dispone di finestre di espulsione dei bossoli e per la manetta di armamento su entrambi i lati.
È stata anche annunciata la possibilità di cambio “rapido” di calibro sostituendo canna, semicastello inferiore, otturatore e caricatore; I calibri previsti, in aggiunta al 5,56 × 45 mm NATO, sono il 7,62 × 39 mm (cartuccia di armi quale l'AK-47) e lo 6,8 mm Remington SPC (o 6,8 × 43 mm). È stata anche studiata la possibilità di impiego del 5,45 × 39 mm (cartuccia di armi quale l'AK-74 russo). Per finire, il progetto prevede la realizzazione di un'arma “pesante”, in calibro 7,62 × 51 mm NATO. L'arma si trova ancora in fase di sperimentazione, in particolar modo si stanno cercando dei materiali compositi che possano reggere di piu gli sbalzi di temperatura dovuti ad un uso intenso.
Strettamente collegato all'arma è il lanciagranate da 40 mm GLX-160.

Per soddisfare le esigenze delle forze speciali è stata sviluppata la versione A2 in collaborazione con il 9°Reggimento dell'Esercito Italiano; la versione si discosta da quella standard per l'impugnatura a pistola, per il calcio accorciato ulteriormente ma sempre ripiegabile e regolabile come estensione, per la canna da 12 pollici (prevista anche per la versione standard come lunghezza) con manicotto ceramico per dissipare meglio il calore dell'arma, il selettore di tiro è più rapido da usare, non sono previste mire fisse ma solo mire rimovibili della Magpull, le slitte anteriori laterali sono state allungate, è stato realizzato un accessorio da inserire inferiormente (nell'alloggiamento proprietario Beretta usato per il GLX-160) che permette di avere un rail molto più lungo e che potrà essere usato per sviluppare ulteriori accessori. Ora sono previsti altri colori: nero, oliva, deserto e flat dark earth. Sono state studiate delle soluzioni per migliorare il tiro automatico prolungato anche se il limite rimane a 7 caricatori da 30 colpi in successione a raffica. L'ergonomia risulta migliorata dalla nuova calciatura dettata da nuove tecniche di tiro istintivo e dal fatto che con le protezioni antiproiettile indossate era difficile da imbracciare per alcuni soldati. Una ulteriore differenza è il rompifiamma anteriore ora progettato in modo tale che non faccia rilevare la posizione del tiratore sollevando polvere dato che ha sfiati solo su 210° lasciando la parte inferiore priva di fori; la soluzione è molto elaborata ma robusta e permette tiri a raffica senza che l'arma si impenni eccessivamente. Tutte queste modifiche hanno portato ad un leggero aumento di peso, che ora arriva a 3,3 kg.

Beretta ARX-160
Beretta ARX-160 con lanciagranate GLX-160
Beretta ARX-160 con lanciagranate GLX-160
Tipo Fucile d'assalto
Nazione bandiera Italia Italia
Impiego
Epoca moderna
Utilizzatori Italia (sperimentazione), Albania (forze speciali), Messico (forze di polizia paramilitari)
Conflitti Afghanistan (fase di test), Messico (operazioni anti cartelli della droga)
Produzione
Date di produzione in fase di industrializzazione
Varianti standard e variante per forze speciali
Descrizione
Peso 3,1 kg (vuoto con canna da 406 mm)
3,0 kg (evuoto con canna da 302 mm)
Lunghezza 755 mm (calcio esteso con canna da 302 mm)
680 mm (calcio collassato con canna da 302 mm)
580 mm(calcio chiuso con canna da 302 mm)
920 mm (calcio esteso con canna da 406 mm)
820 mm (calcio collassato con canna da 406 mm)
755 mm (calcio chiuso con canna da 406 mm)
Calibro 5,56 mm, adattabile a: 7,62 mm, 6,8 mm, in fase di studio 5,45 mm
Tipo di munizioni 5,56 × 45 mm NATO,
7,62 × 39 mm,
6,8 mm Remington SPC,
in fase di studio i calibri:
5,45 × 39 mm e
7,62 × 51 mm NATO
Azionamento pistone a corsa corta
Cadenza di tiro 700 colpi/min (teorica)
Velocità alla volata 920 m/s
Tiro utile utile 200-350m
Alimentazione Caricatore STANAG da 30 colpi, tamburo C-Mag da 100 colpi
Organi di mira ribaltabili e slitta standard NATO per ottiche
voci di Armi presenti su Wikipedia