Italian Albanian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Croatian English French German Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swahili

VLM Iveco M65

Il nuovo VLM Iveco (LMV – Light Multirole Vehicle – nella dizione inglese) è nato dalla sempre più sentita esigenza di disporre di mezzi adeguatamente protetti per migliorare il livello di sicurezza del personale impiegato in teatri di operazione ad elevato rischio.

Trattasi infatti di un 4 x 4 permanente prestante, il cui progetto è stato incentrato sul modo di ottenere la migliore protezione dell’equipaggio.

Ciò è stato realizzato sia posizionando opportunamente i principali organi meccanici (tutti spostati nella parte anteriore o posteriore del pianale per evitare che possano trasformarsi in pericolosi proiettili all’atto dell’esplosione di una mina), sia utilizzando vari kits addizionali che montati sulla versione base consentono livelli di protezione differenziati sia contro le mine che contro il munizionamento leggero.

Al fine di incrementare le capacità di sopravvivenza del VLM, inoltre, tutti gli accorgimenti sono stati adottati per limitarne :

le emissioni termiche , sistemando le marmitte ed i tubi di scarico ’interno dei longheroni a “c” che costituiscono il telaio della macchina, e la turbina in posizione riparata, sotto il motore;

le emissioni acustiche, contenendole a livello delle norme civili, assai più severe di quelle militari, così che il VLM si presta ottimamente alle missioni di esplorazione grazie alla sua silenziosità;

la riflettività radar, ricorrendo a forme smussate ed adeguatamente inclinate;

la visibilità ottica, producendo un veicolo compatto ed adottando accorgimenti particolari per abbattere i riflessi.

Per quanto riguarda la possibilità di ripiegamenti lontani, il VLM può essere facilmente aviotrasportato anche agganciato ad elicotteri tipo CH-47C.

Nella versione con cabina lunga e passo di 3200 mm., proposta quale veicolo da ricognizione e piattaforma per sistemi d’arma, l’abitacolo può ospitare fino a 5 militari. La versione con cabina corta e passo lungo (3500 mm) è invece destinata ad uso posto-comando.

Dopo essere stato adottato dall’E.I., il veicolo è risultato vincitore del concorso denominato “FCLV” (Future Command and Liaison Vehicle) e sarà quindi acquisito anche dal BRITISH ARMY.

 

CARATTERISTICHE E PRESTAZIONI

Passo, mm 3.500

Carregggiata: mm 1.710

Lungh. tot., mm 4.790

larghezza max: mm 2.200

Altezza: mm 2.050

Altezza minima sotto i diff: mm 315

Altezza min sottopancia: mm 473

Angoli sbalzo ant/post 58°/45°

Carico utile, tonn. 2.3

Peso tot., tonn. 7

Capacità di traino max tonn 4,2

Vel. max, Km/h> 13

Inclinazione laterale 30%

Inclinazione long.: 60%

Guado senza preparaz mm.: 850

Guado con preparazione mm: 1.500

Rapporto P/max: Kw/t 20

MotoreIVECO F1CCommon rail

 

Protezione dell' equipaggio.

Si è posta particolare attenzione alla protezione dell'equipaggio, ritenendo in fatti che la sopravvivenza del personale trasportato debba essere perseguita come obbiettivo fondamentale per consentire missioni tendenti a "zero losses". Si è pertanto partiti dalla cabina, denominata "Cellula di sopravvivenza", intorno alla quale è stato definito il layout del veicolo, disponendo i grupppi meccanici nella parte anteriore o posteriore per evitare che possano trasformarsi in pericolosi proiettili nell'evenienza di esplosione di mine.

Su questo principio il cofano motore è incernierato al telaio e non alla cellula di sopravvivenza; il vano di carico posteriore ed il serbatoio combustibile (sempre opportunamente sistemato sul retro), sono stati ancorati in modo da staccarsi per lasciare sfogare l'esplosione della mina.

La cabina della versione base del veicolo non è protetta, tuttavia è predisposta per l'applicazione di "pelli" costituite da kit di protezione balistica in composito di ultima generazione.

Grazie ad un brevetto, è possibile cambiare il livello di protezione sul campo. Anche le vetrature possono essere adeguate ai livelli di protezione balistica, senza alterare lo stile esterno del veicolo e pertanto mantenendo le caratteristiche stehaltness del veicolo protetto stesso.

Sul tetto dotato di una botola apribile si dall'interno che dall'esterno per motivi di sicurezza, può venire applicata una ralla supportata dalla struttura metallica per armi automatiche tipo mitragliatrice pesante 12,7 mm o lanciagranate AGL da 40 mm.

Il roll-bar interno consente la salvaguardia del personale anche in caso di ribaltamento del veicolo, resistendo fino ad una accelerazione di 7,5 g.

Curata anche l'ergonomia dei posti dei 5 occupanti (valida per il 95 percentile dei moderni soldati) abbinata ad un' ottimo confort con elevato assorbimento delle vibrazioni e degli scuotimenti ed una ricercata. attenta e non esagerata, automazione ed alleggerimento di tutti i comandi e controlli del veicolo.

 

Caratteristiche Stealth

- Termica

con l'inserimento delle tubazioni di scarico del motore all'interno del telaio con la schermatura dei punti caldi (turbina in posizione riparata, ecc.) e con l'utilizzo di materiali esterni ad alta capacità IR assorbente.

- Acustica

Ottenuta con un contenimento della rumorosità motore e del relativo sistema di scarico utilizzando opportuni pannelli antirumore.

- Visiva

Grazie ad una ridotta silhouette, ad una configurazione geometrica "pulita" ed all'utilizzo di vernice policroma a bassa emissività.

- Radar

Grazie alla forma appropriata di vari componenti ed in particolar modo grazie all'applicazione di rivestimenti esterni in materiali specifici.

 

Il veicolo LMV (light multiruole Vehicle) è in grado di assolvere i compiti di:

Trasporto squadra (5 militari equipaggiati):

Vettura Comando, Ricognizione, Collegamento;

Piattaforma per sistemi d'arma leggera;

Ambulanza, Trasporto Materiali Vari - shelter, Traino rimorchi ed artiglierie leggere.